jump to navigation

Condivisione e libertà: segnali positivi dalla Svezia sabato 12 gennaio 2008

Posted by churli in LiberaMente*, Linux*, News*, Web.
trackback

E’ ormai da tempo che molti di noi sostengono come l’accanimento fuori misura sul file-sharing (di musica, software e affini protetti da copyright) che molti stati stanno attuando (USA in testa) non sono altro che frutto delle pressioni delle case discografiche o produttori di software.
Come si dice dalle mia parti, “ogni bel gioo dura poo” (indovinate dove andrebbero messe le “c” -.-) e questo lo hanno capito anche questi grandi gruppi pieni di soldi. Per questo stanno tentando di metterci in testa che scambiarsi musica è male, mentre vendere cd a prezzi assurdi è bene (quanto ci guadagnano poi gli artisti da tutto il gioco??? hmm…). Mai la verità è stata più palese: stanno disperatamente tentando di tenersi tutti quei soldi che hanno fatto fregando un po’ tutti, noi e artisti (o pensate che la promessa di fama e successo sia gratuita?).

La verità e palese, ma si sa che i governi cedono molto facilmente alle lusinghe di chi ha tanti soldi, e infatti ci siamo ritrovati in una situazione abbastanza scandalosa, dove violare costantemente la privacy è diventato accettabile nel nome della lotta alla pirateria.

Finalmente dalla Svezia è però arrivata la buona notizia: 7 parlamentari hanno scritto un articolo (qui la versione in inglese dal blog di uno di loro) dove, in sostanza, viene detto che l’unica soluzione possibile a questa situazione è decriminalizzare il file sharing in ogni sua forma e forzare il mercato ad adattarsi.

Finalmente una presa di posizione seria, che ovviamente a suscitato non poche polemiche in Svezia, ma che spero possa cambiare qualcosa, innescare quel tanto provvidenziale effetto domino.

Vi invito calorosamente a leggervi il testo originale della lettera e magari a esprimere le vostre considerazioni.

Commenti»

1. restaurant Story cheats - giovedì 20 marzo 2014

Two hours later, Shalimar joined Father Bennett and
two other volunteers behind the long tables filled with food
in the dining hall. The only rule is that it can’t be a word
that someone might associate with you, like a pet, or a family member’s middle name.
World also lets you hire waiters and employees to help serve food and make you a lot more coins.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: