jump to navigation

Hard Disk USB senza ammattire… domenica 28 ottobre 2007

Posted by churli in Guide & HowTo*, Linux*.
Tags: , ,
trackback

Oggi, ma proprio oggi, mi sono comprato un bell’hard disk usb in offerta da 500GB.

Sono tornato a casa, l’ho connesso, mi ci sono fatto una bella partizione estesa con 5 partizioni logiche per lavorarci ordinatamente…poi ho tentato di vedere i miei 5 nuovi volumi…

E qui è bastato andare a modificare /etc/fstab…
da terminale:
$ sudo kate /etc/fstab
(potete sostituire “kate” con il nome del vostro editor di testi preferito: kwrite, per kde, oppure gedit, se avete gnome, e altri ancora…)

Sono andato in fondo al file e ho digitato in una nuova riga:
/dev/sdb5 /media/sdb5 auto auto,users,rw 0 0
(ovviamente voi dovete sostituire “/dev/sdb5” e “/media/sdb5” rispettivamente con l’indirizzo del dispositivo-partizione e con il punto di mount desiderato)
Ho aggiunto una riga per ognuna delle 5 partizioni (ricordate che ogni partizione corrisponde ad un diverso “/dev/pincopallino” e deve avere un punto di mount “/media/pincopallino” per se).

A questo punto, salvato e chiuso fstab, ho digitato:
$ sudo mkdir /media/sdb5
In questo momento ho creato la cartella dove la partizione verrà montata, che deve essere la stessa che è stata indicata in fstab.
Poi ho ripetuto il comando per le altre partizioni.

A questo punto le ho montate…
$ sudo mount -a
e andando in media le ho prontamente viste e lette.

Poi ho provato a scriverci…
e il mio adorato computer mi ha risposto che non potevo farlo…
Dopo una breve ricerca ho trovato che il problema non stava nei permessi dati al mount, ma in quelli dati alle cartelle dove poi ho montato.

Per poter scrivere quindi, basta dare questo comando:
$ sudo chown user:group mountpoint
Sostituite user con il vostro nome utente e group con, per esempio, plugdev. Mountpoint va sostituito con l’indirizzo della cartella dove montate la partizione.

A questo punto è finalmente finita la procedura.
Basta dare in sequenza:
$ sudo umount -a
$ sudo mount -a

e i volumi sono pronti all’uso.

Nota:
Se, come me, avete più dispositivi usb collegati ad un hub esterno, può capitare che all’avvio cambino i percorsi “/dev/tizio”.
Penso che nessuno abbia voglia di andare a rimaneggiare “/etc/fstab” ad ogni riavvio, quindi ecco una soluzione veloce ed efficace:

Da terminale date:
$ sudo vol_id -u /dev/tizio
al posto di /dev/tizio mettete il dispositivo-partizione di cui volete sapere l’etichetta.
Vi uscirà fuori una serie alfanumerica più o meno lunga.

A questo punto basta andare in “/etc/fstab” e sostituire la riga del dispositivo-partizione
/dev/tizio /media/nomechetipare auto auto,users,rw 0 0
come qua sotto
UUID=serie_alfanumerica /media/nomechetipare auto auto,users,rw 0 0

Nel caso “vol_id” non funzioni, può darsi che non abbiate installato il pacchetto volumeid.
Allora basta dare un
$ sudo apt-get install volumeid
e potrete conoscere le etichette =)

Commenti»

1. Anonimo - martedì 1 gennaio 2008

grazie, mi sei stato di grande aiuto con i tuoi suggerimenti


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: